Stroke.it

Stroke & Terapia dell'ictus

I pazienti arruolati nel Registro Swedvasc ( Swedish Vascular Registry ) che sono stati sottoposti a impianto di stent carotideo hanno presentato un aumento del rischio a lungo termine di ictus ipsila ...


E’ stato verificato se la resistenza all'Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] sia associata con la gravità dell'ictus iniziale e con il volume dell'infarto, utilizzando imaging pesato in diffusione ( D ...


L’espansione dell’ematoma è una delle principali cause di mortalità nella emorragia intracranica relativa ad antagonisti della vitamina K ( AVK-ICH ). Viene raccomandata la normalizzazione del rappo ...


L'efficacia comparativa della chiusura percutanea del forame ovale pervio ( PFO ) più terapia medica versus terapia medica da sola per l'ictus criptogenetico è incerta. È stata effettuata la prima a ...


Precedenti studi condotti tra il 1997 e il 2003 hanno stimato che il rischio di ictus o di una sindrome coronarica acuta è del 12-20% durante i primi 3 mesi dopo un attacco ischemico transitorio ( TIA ...


Si è valutato se la posizione e l'estensione del segno dell'arteria iperdensa alla tomografia computerizzata ( CT ) alla presentazione influenzino la risposta ad Alteplase ( Actilyse ) per via endoven ...


Sono stati confrontati gli esiti tra gestione endovascolare e gestione medica dell’ictus ischemico acuto in studi randomizzati e controllati recenti mediante una revisione sistematica della letteratur ...


È stata effettuata una revisione sistematica e una meta-analisi per valutare se la presenza di microsanguinamenti cerebrali alle scansioni MRI pre-trattamento di pazienti con ictus ischemico acuto tra ...


È stata valutata l'influenza della performance cognitiva sul risultato funzionale a lungo termine dopo ictus ischemico in giovani adulti di età compresa tra 18 e 50 anni ( ictus ischemico giovanile ). ...


È stata esaminata la potenziale efficacia del trattamento con statine nel ridurre il rischio di convulsioni post-ictus. In uno studio di coorte, sono stati arruolati pazienti con un primo ictus isc ...


La stenosi intracranica è una delle più comuni eziologie di ictus. Nessuno studio clinico randomizzato ha confrontato il trattamento con stent con palloncino espandibile con la terapia medica nella st ...


Uno studio ha valutato la sicurezza e l'efficacia della trombectomia per il trattamento dell’ictus in uno studio incorporato all'interno di un Registro di riperfusione dell’ictus basato sulla popolazi ...


Tra i pazienti con ictus ischemico acuto a causa di occlusioni del circolo intracranico prossimale anteriore, meno del 40% riguadagna l'indipendenza funzionale, se trattati con il solo attivatore tiss ...


L’attuale trattamento dell’ictus ischemico con la terapia trombolitica è limitato a 3-4.5 ore dopo l'insorgenza dei sintomi. Lo studio DIAS-3 ha valutato la sicurezza e l'efficacia di Desmoteplase, ...


Le scansioni cerebrali sono essenziali per escludere emorragie in pazienti con sospetto ictus ischemico acuto prima del trattamento con Alteplase ( Actilyse, Activase ). Tuttavia, i pazienti con i p ...


Nella maggior parte dei Paesi, Alteplase ( Actilyse, Activase ), somministrato entro 4.5 ore dall’insorgenza dell'ictus ischemico acuto, è l'unico trattamento medico approvato. Il nuovo farmaco trom ...


Sebbene l'uso degli anticoagulanti orali ( OAC ) sia in aumento, vi è una sostanziale mancanza di dati su come trattare l’emorragia intracerebrale ( ICH ) associata agli anticoagulanti orali. È stata ...


Precedenti analisi della coorte International Subarachnoid Aneurysm Trial ( ISAT ) hanno riferito i rischi di recidiva di emorragia subaracnoidea e di morte o di dipendenza per un minimo di 5 anni fin ...


La pressione alta è associata a prognosi sfavorevole dopo l’ictus. Non è noto se la pressione sanguigna debba essere abbassata rapidamente dopo l'ictus, e se si debba continuare o temporaneamente inte ...


La trombolisi endovenosa per l'ictus ischemico rimane sottoutilizzata in tutto il mondo. Uno studio ha valutato se un programma di gestione globale dell’ictus possa migliorare l’uso della trombolisi ...


Sono stati ricercati, tramite la metabolomica, nuovi biomarcatori candidati per recidiva di ictus con una potenza di previsione superiore a quella degli attuali marcatori. L’analisi metabolomica è ...


Nei pazienti con ictus ischemico acuto causato da una occlusione dell’arteria intracranica prossimale, il trattamento endoarterioso è altamente efficace per la rivascolarizzazione d’emergenza. Tutta ...


Lo studio IMS ( Interventional Management of Stroke ) III non ha mostrato un beneficio clinico del trattamento endovascolare rispetto alla somministrazione endovenosa di Alteplase ( attivatore tissuta ...


È stato esaminato il fattore di crescita dei fibroblasti 23 ( FGF23 ) come fattore di rischio per l'ictus incidente in una coorte basata sulla popolazione urbana diversificata etnicamente. I partec ...


La tempistica degli interventi chirurgici nei pazienti con ictus ischemico recente è un tema importante e non adeguatamente affrontato. E’ stata valutata la sicurezza e l'importanza del tempo trasco ...


Gli infarti sottocorticali singoli ( SSI ) possono essere classificati come prossimali ( pSSI ) o distali ( dSSI ) in base alla posizione all'interno del territorio della arteria cerebrale media. Po ...


La trombolisi intraventricolare è un trattamento promettente per facilitare la risoluzione dei coaguli intraventricolari dopo emorragia intraventricolare. Sono stati esaminati gli esiti in ospedale ...


L’emorragia intraventricolare è associata ad alta mortalità e scarso esito funzionale. L'uso della terapia fibrinolitica intraventricolare ( IVF ) come intervento nella emorragia intraventricolare è ...


È stato confrontato il rapporto beneficio-rischio a lungo termine dello stenting carotideo rispetto alla endoarteriectomia per la stenosi carotidea sintomatica. È stato eseguito uno studio di follo ...


Nessuno degli studi randomizzati sulla somministrazione per via endovenosa dell’attivatore del plasminogeno tissutale ( tPA ) ha riportato dati di imaging vascolare acquisiti prima della trombolisi. ...


È stata verificata l'ipotesi secondo cui l'effetto dei farmaci antitrombotici sul rischio di emorragia intracerebrale vari a seconda della posizione dell’ematoma. Pazienti con emorragia intracereb ...


Sono state confrontate le caratteristiche cliniche delle crisi epilettiche al momento della presentazione di ictus ischemico con le crisi convulsive durante il ricovero dopo l'ictus ischemico, e il lo ...


È stata esaminata la performance cognitiva nei bambini dopo l'ictus per studiare l'influenza dell'età al momento dell’evento ictale, delle convulsioni, delle caratteristiche della lesione, del danno n ...


Gli effetti cardiovascolari favorevoli attribuiti alla adiponectina possono ridurre il rischio di ictus, secondo uno studio prospettico e in una meta-analisi. È stato eseguito uno studio caso-coort ...


Studi recenti indicano che il sistema urochinasi potrebbe avere un ruolo importante nella aterogenesi e rottura della placca. Sono stati studiati in una coorte prospettica i rapporti tra recettore s ...


Poco si sa circa i fattori che contribuiscono alle dissezioni multiple piuttosto che singole dell'arteria cervicale ( CeAD ) e riguardo la prognosi associata. Sono state confrontate le caratteristiche ...


E’ stato valutato se le anomalie cardiache dopo emorragia subaracnoidea aneurismatica ( aSAH ) siano associate ad ischemia cerebrale tardiva e all’esito clinico, indipendente dai noti fattori di risch ...


Anche se l’efficacia dell’attivatore tissutale del plasminogeno ( tPA ) dipende dal tempo, non si sa se il suo effetto sulla ricanalizzazione sia tempo-dipendente. Le informazioni sulla probabilità ...


È stato eseguito uno studio prospettico di coorte longitudinale nei pazienti con ictus per capire meglio il ruolo della inibizione intracorticale dipendente da GABA ( Acido gamma-aminobutirrico ) per ...


I risultati iniziali dello studio SAMMPRIS ( Stenting and Aggressive Medical Management for Preventing Recurrent stroke in Intracranial Stenosis ) hanno mostrato che, a 30 giorni, 33 ( 14.7% ) dei 224 ...


È stata determinata la frequenza di infarto acuto rilevata mediante imaging di risonanza magnetica pesata in diffusione DWI-MRI e il rischio di ictus nei pazienti con attacco ischemico transitorio ( T ...


Sono state valutate le evidenze per quanto riguarda la gestione periprocedurale dei farmaci antitrombotici nei pazienti con malattia cerebrovascolare ischemica mediante una revisione sistematica della ...


Il bilancio rischio-beneficio di un intervento neurochirurgico precoce in pazienti coscienti con emorragia intracerebrale lobare superficiale di 10-100 mL e nessuna emorragia intraventricolare ricover ...


Il tromboembolismo venoso è una causa comune e potenzialmente evitabile di decesso e morbilità nei pazienti ospedalieri, inclusi quelli con ictus.In pazienti chirurgici, la compressione pneumatica int ...


L'incidenza di ictus ischemico aumenta con l'età. La conoscenza dei fattori associati agli esiti acuti di ictus ischemico in età avanzata ( 80 anni e oltre ) è necessaria per migliorare la qualità del ...


Nei pazienti con ictus ischemico, il trattamento endovascolare è associato a un tasso più elevato di ricanalizzazione della arteria cerebrale colpita rispetto alla terapia trombolitica intravenosa sis ...


La terapia endovascolare è sempre più utilizzata dopo la somministrazione intravenosa di attivatore tissutale del plasminogeno ( t-PA; Alteplase; Actilyse ) per i pazienti con ictus ischemico acuto da ...


Non è chiaro se la chiusura di un forame ovale pervio sia efficace nella prevenzione del ictus ischemico ricorrente in pazienti che hanno avuto un ictus criptogenetico.È stato condotto uno studio per ...


I punteggi CHADS2 e CHA2DS2-VASc sono utilizzati per valutare il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale. Si è cercato di capire se questi punteggi sono associati agli esiti di ictus n ...


Nei pazienti con ictus, gli attuali dispositivi meccanici non sono in grado di produrre ricanalizzazioni significative delle occlusioni di un grande vaso.Uno studio ha confrontato efficacia e sicurezz ...



2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer